Skip to main content

L’arte del branding sonoro: origine e impatto

Il concetto di branding sonoro, o “sonic branding”, è nato dalla necessità di creare un’impronta unica e immediatamente riconoscibile nel mondo saturato dei media. Oggi, un suono può valere tanto quanto un logo visivo. Ma come si è sviluppato questo potente strumento di marketing?

La nascita del branding sonoro

Il branding sonoro si è evoluto dalla semplice jingle pubblicitaria a una sofisticata strategia di marketing utilizzata dalle aziende per rinforzare la loro identità di marca e connettersi emotivamente con il pubblico. Originariamente, i jingle erano brevi melodie utilizzate nelle pubblicità radiofoniche per aiutare i consumatori a ricordare un prodotto o un servizio. Con l’avvento della televisione e, successivamente, delle piattaforme digitali, il suono ha assunto un ruolo ancora più centrale, diventando un elemento cruciale nell’identità di un brand.

L’importanza emotiva del branding sonoro

Il suono colpisce le corde dell’emozione molto più direttamente e profondamente rispetto alla vista. Quando un logo sonoro viene associato positivamente, può evocare sentimenti e ricordi quasi istantaneamente. Martin Ljungdahl, stratega sonoro per Kantar, enfatizza che “Ci relazioniamo ai brand attraverso le emozioni.” Pertanto, un efficace logo sonoro non solo cattura l’attenzione ma rimane impresso nella memoria, spingendo spesso all’azione di acquisto.

Esempi di eccellenza nel branding sonoro

Il ‘ta-dum’ di Netflix

Quando Netflix iniziò la produzione di contenuti originali nel 2015, Todd Yellin capì l’importanza di un logo sonoro che potesse far pensare agli spettatori: “Wow, sto per godermi qualcosa di speciale”. Lon Bender, sound designer, fornì a Yellin una vasta gamma di possibilità, dai suoni cinematografici a quelli oceanici. Alla fine, il “ta-dum” fu scelto dopo che i gruppi di focus lo associarono a drammi e film. Questo suono continua a rappresentare il marchio.

Il suono di Mediaset

Mediaset, uno dei principali gruppi televisivi italiani, utilizza un logo sonoro distintivo all’apertura delle sue trasmissioni. Il suono è breve e incisivo, progettato per attirare l’attenzione dello spettatore e prepararlo a un’esperienza di intrattenimento. Questo logo sonoro contribuisce a creare un’identità immediatamente riconoscibile per il network, rafforzando la sua presenza nel panorama mediatico italiano.

‘I’m Lovin’ It’ di McDonald’s

Nel 2003, McDonald’s, colpita dalla sua prima perdita trimestrale, lanciò un bando tra le sue 14 agenzie globali per un nuovo slogan. Heye & Partner di Monaco presentò “Ich liebe es”, che divenne l’americano “I’m lovin’ it”. Heye affidò a Mona Davis Music la creazione della componente audio, il familiare ba da ba ba ba. Sebbene Pharrell Williams abbia trasformato questo riff in una canzone completa per Justin Timberlake, quelle cinque note distintive sono chiaramente un logo sonoro, usato da McDonald’s per oltre 21 anni.

In conclusione, il branding sonoro non è solo un fenomeno di marketing, ma un viaggio emotivo che lega i consumatori ai brand in modi profondi e duraturi. Attraverso note e melodie, le aziende possono lasciare un’impronta indelebile nella mente e nel cuore dei loro clienti. Siete pronti a sentire il suono del successo?